Agevolazioni popolazioni colpite da eventi sismici

Disposizioni in materia di agevolazioni tariffarie e rateizzazione dei pagamenti per le popolazioni colpite dagli eventi sismici verificatisi nei giorni del 24 agosto 2016 e successivi


A seguito degli eventi sismici verificatisi da 24 agosto 2016 in poi ARERA ha emanato dei provvedimenti per agevolare le popolazioni colpite (agevolazioni e sospensione pagamenti in delibera 252/2017/R/com).
Successivamente , ai sensi del decreto legge 55/2018 pubblicato lo scorso 29 maggio 2018, è stata prorogata al 1° gennaio 2019 la sospensione dei termini di pagamento delle bollette dei soggetti danneggiati dal sisma ed è stata predisposta la sospensione del pagamento del Canone di abbonamento per la televisione fino al 31.12.2020.

AGEVOLAZIONE

La delibera 252/2017/R/com prevede quanto segue:

  • l’azzeramento dei corrispettivi per nuove connessioni/allacciamenti, disattivazioni, riattivazioni subentri e volture;
  • che le componenti tariffarie soggette a regolazione vengano ridotte del 100%.

In particolare, per il settore elettrico e il settore gas si fa riferimento alle componenti di rete e agli oneri generali.

Le agevolazioni sono riconosciute per un periodo di 36 mesi a partire dalla data del sisma che ha causato l’inagibilità dell’immobile (24 agosto, 26 ottobre, 18 gennaio). Le agevolazioni previste dall’ARERA sono cumulabili con il bonus elettrico, il bonus gas e con eventuali agevolazioni locali approvate dal soggetto competente relativamente al servizio idrico.


ESTENSIONE E "PORTABILITA' DELL'AGEVOLAZIONE

Di norma ciascun soggetto beneficiario può godere delle agevolazioni disciplinate dal presente provvedimento in tanti punti di fornitura quanti erano quelli attivi alla data del sisma (24 agosto, 26 ottobre, 18 gennaio).

Il soggetto avente diritto ad agevolazione – automatica e non – che alla data del sisma era residente nell’unità immobiliare divenuta inagibile, ha diritto a usufruire dell’agevolazione anche relativamente all’unità immobiliare in cui ha stabilito la residenza/domicilio successivamente all’evento sismico, indipendentemente dalla Regione in cui quest’ultima sia ubicata.

 

Per ulteriori informazioni consulta la delibera  oppure clicca qui per ulteriori chiarimenti.